Page 18 - Imparare a vivere la strada
P. 18

trasversalità del progettoconoscenza dell’ambiente16Ciò era realizzabile attra-verso attività laboratoriali che,partendo dalla quotidianità,superando la visione dogmati-ca della conoscenza scientifica,guidavano alla conoscenza einterpretazione scientifica deglieventi, vivendo la scienza noncome conoscenza marginale especialistica, ma come parte in-tegrante nella vita reale. Risul-tava, per altro, chiaro a tutte leinsegnanti che questa imposta-zione trasversale non avrebbedovuto ridursi a un apprendimento cumulativo ma slegato di nozioni diverse (regole stradali, regole di convivenza, leggi fisiche che regolano gli eventi); avrebbero dovuto invece sfociare in un apprendimento costruttivo significativo, dove le conoscenze pregresse vengono opportunamente recuperate, scoprendo e definendo i collegamenti con quelle nuove, costruendo o ristrutturando una rete di conoscenze.seconda faseSuccessivamente, a gruppo allargato, ci si rese conto che non era sufficiente far fare ai ragazzi esperienze laboratoriali di conoscenza del territorio e di convivenza sociale o di individuazione di eventi fisici correlati. Queste esperienze, anche se ben organiz- zate, anche se interessanti e stimolanti, non erano sufficienti per la conquista della consapevolezza comportamentale, della dimensione consapevole del saper essere un buon fruitore della strada. Sarebbe stato necessario introdurre, accanto a queste esperienze anche dei momenti di riflessione meta cognitiva, non sempre facile da realizzare sia con i bambini che con i preadolescenti. Si decise allora di introdurre una modifica metodologica.I ragazzi non avrebbero semplicemente imparato attraverso dei laboratori, ma avrebbero dovuto trasmettere le loro conoscenze ad altri ra-gazzini più piccoli. In questo modo avrebbero dovuto – in fasepreparatoria – confrontarsi tra di loro (peer education) non insterili e improduttive discussioni, ma finalizzate sia a individuare e suggerire ai più piccoli i comportamenti più idonei in particolari situazioni sulla strada, sia a spiegarne l’adeguatezza (tutoring)educazione stradale e...peer educationfisica e dinamiche stradali


































































































   16   17   18   19   20