Page 121 - Imparare a vivere la strada
P. 121

pedone, passeggero e ciclista a braccetto con la fisicaquello napoleonico fino agli insediamenti attuali e recenti (conoscenza descrittivo contenutistica).Un approfondimento interessante ha portato i ragazzi a cogliere le differenze tra il paese di ieri e quello di oggi (conoscenza comparativa): dall’analisi della viabilità e della distribuzione delle case nelle diverse frazioni ai racconti dei nonni sulla scarsa mobilità di un tempo che si realizzava solo con la consuetudine di utilizzare le corriere, dalle strade di ieri con un fondo stradale fatto di sassi o di terra battuta alle strade di oggi, lisce ed asfaltate (2).il laboratorioSu questo quadro d’insieme le insegnanti hanno inserito un nuovo filone di approfon- dimento: hanno deciso di affrontare con un laboratorio strutturato di esperienze gra- duate – la tematica incentrata sull’analisi del fenomeno fisico del “come ci si muove”.Il primo passo di questo nuovo percorso è caratterizzato da una richiesta inusuale:seduti a terra (senza muovere le gambe) è possibile spingersi indietro da soli facendo leva con forza sul petto con le sole mani? Per i bambini questa richiesta non è strava- gante e astrusa: seduti a terra spingono con forza le mani sul proprio petto, ma non si spostano. Se invece un bambino su avvicina e spinge un compagno, questo si sposta. Si cerca di portare tutti i bambini a affermare che non è possibile spingere se stessi, ma che è necessario essere spinti per muoversi.Il passo successivo è caratterizzato da una nuova considerazione: quando io cam- mino, nessuno mi spinge eppure mi muovo. Eccoli ora tutti intenti a riprodurre al ral- lentatore il movimento del piede e a cercare di descrivere azioni e sensazioni: quando cammino io schiaccio con il piede il pavimento all’indietro. Un po’ per intuizione, unspingere se stessi esperienza in classe: funzione del pavimento liscio(2) La proposta si potrebbe configurare come un primo passo per l’attuazione del Programma “Città amiche dei bambini” promosso dall’Unicef.119


































































































   119   120   121   122   123