Page 120 - Imparare a vivere la strada
P. 120

considerazioni di partenzaInteressante l’esperienza – che qui presentiamo – in cui si affronta in modo in- terdisciplinare la conoscenza del territorio e si riesce nel contempo a far cogliere ed apprezzare ai bambini la corrispondenza tra alcuni fenomeni fisici – come l’attrito – e la quotidianità del muoversi nel territorio.3.5come ci si muoveI.C. Lestizza-Talmassons – (UD) Scuola Primaria Pacifico ValussiEsperienza laboratorialeclassi coinvolte: II A (21 alunni), IV B (20 alunni)Insegnanti: Angela Tedeschi, Laura Tellini, Rossella Morandinila documentazione sul territorioIn due quarte classi di scuola primaria si è avviato un percorso composito di conoscenza del territorio (1) che prevedeva una serie di esperienze. I ragazzi hanno vissuto direttamente il territorio: si sono improvvisati turisti ed hanno realizzato un giro per il paese. Aver assunto questa veste particolare ha portato i ragazzini a scoprire come nuovi e interessanti molti luoghi e caratteristiche che fino a quel momento erano consi-derati usuali e consuetudinari e quindi banali, poco interessanti, grigi. Ogni bambino ha individuato l’angolino che gli piaceva maggiormente e così molti punti del paese si sono trasformati coi colori delle emozioni, sensazioni ed esperienze (conoscenza emotivo-esperienziale).Grazie al contributo di alcuni esper- ti (architetti, storici, naturalisti, agenti di Polizia Locale) e la consultazione di importanti documenti, i bambini hanno conosciuto le frazioni che formano il co- mune, la loro collocazione e il loro impian- to urbanistico che è rimasto pressoché inalterato dallo stanziamento romano a(1) Progetto “Conosciamo il nostro territorio”118


































































































   118   119   120   121   122