Page 110 - Imparare a vivere la strada
P. 110

Ogni spiegazione è stata predisposta cercando di far capire ai bambini più piccoli:• che cosa sono le forze• come agiscono sui corpi• comeleforzeriguardanoanchel’educazionestradalela realizzazioneNella successiva fase laboratoriale hannoindividuato assieme ai ragazzini di quarta della scuola primaria, per ciascuna situazione, quali aspetti era importante cogliere e osservare e hanno cercato di aiutarli a capire il significato di quanto vedevano, che cosa se ne doveva dedurre, sperimentando direttamente una condivisione di concettie di comportamenti (riflessione sui comportamenti).Per questo motivo è importanteallacciare le cinture di sicurezza Infatti, in caso di frenata brusca, il veicolo si ferma mentre il passeggero tende ad andare avanti con la velocità posseduta del mezzo prima della frenata.Le cinture di sicurezza trattengono il corpo in modo che la testa, in caso d’urto o tamponamento posteriore, non vada a sbattere contro il parabrezza.Gli air bags frontali, per il guidatore e il passeggero alla sua destra, proteggono, in caso di urto, dal contatto della testa e del petto con il volante .LA FORZA PESOmateriali:•  un piano inclinato con una carrucola in cima•  un carrello, che presenta un occhiello ad una estremità a cui è legato uno spago•  pesi diversi:10g, 20g, 50g, 100gla documentazioneSituazionePosizioniamo il carrello alla base del piano inclinato etendiamo lo spago in modo da farlo passare sopra il pianoe nella carrucola.Agganciamo allo spago un peso, iniziando da quello minore esostituendolo via via con uno maggiore finché, appena lasciato libero di muoversi, osserveremo che il carrello si mette in movimento.Ne ricaviamo che ...il peso provoca movimento,per cui possiamo concludere che il peso è una forza.108Alla fine dell’esperienza i ragazzi hanno riorganizzato le loro esperienze, sintetizzando i punti essenziali di ogni intervento ed elaborando al computer una presentazione del loro percorso che è possibile visionare nel DVD. Di fatto hanno predisposto un ottimo strumento per la ripetizione dell’esperienza da parte di altri coetanei, in quan- to per ciascuna esperienza hanno indicato non solo i materiali necessari, la situazione e la procedura operativa da seguire, ma soprattutto evidenziano quali sono gli aspetti che vanno presi in considerazione e quali sono le deduzioni che se ne devono ricavare.


































































































   108   109   110   111   112