Page 108 - Imparare a vivere la strada
P. 108

considerazioni di partenzaUno degli argomenti del programma di fisica che i preadolescenti si trovano a do- ver affrontare e che spesso considerano come complesso e astruso è il concetto di forza, definita come una spinta o una trazione che induce una variazione dello stato di quiete o di moto uniforme nei corpi coinvolti.Le diverse situazioni cui l’insegnante fa riferimento a titolo esemplificativo vengo- no talvolta individuate dai ragazzi in maniera confusa, disorganica e approssima- tiva e di conseguenza la definizione viene memorizzata e ripetuta senza troppa convinzione, accompagnata dalla narrazione dell’esperimento. L’apprendimento diventa significativo solo quando il ragazzo riesce a osservare la situazione in modo sistematico e a cogliere la relazione tra i fenomeni che osserva.3.2le forze... in stradaI.C. Iqbal Mashi – (TS)Scuola secondaria inf. F. Rismondo*Scuola Primaria S. Pertini *classe tutor: IIclasse partner: IVInsegnanti: Cristina Sollazzi, Graziana Angeloni, Alessandra Taurisanola propostaLa proposta fatta dall’insegnante ai suoi ragazzi, nell’affrontare la complessità dell’argomento, è stata quella non semplicemente di imparare concetti nuovi per poi ripeterli nell’interrogazione classica in classe; i ragazzi invece avrebbero dovuto spiegare quanto ap- preso a un gruppo di ragazzini di quarta classe della scuola primaria (1).La proposta venne accettata dai ragazzi inizialmente con qualche perplessità e un pizzico di faciloneria, poi con un po’ d’imbarazzo, allafine con grande impegno.(1) Nell’I.C. Iqbal Masih di Trieste il progetto di educazione stradale intitolato ufficialmente “Le forze in strada” coinvolge in momenti diversi scuola secondaria inferiore, scuola primaria e dell’infanzia. È stato predisposto in un’ottica unitaria di sviluppo, dove la mobilità sicura sulla strada viene spiegata con l’in- dividuazione di ben precise leggi fisiche. Nel testo, per facilitare la consultazione dei lettori, il progetto viene presentato suddiviso – con titoli differenti – nelle diverse articolazioni progettuali.106


































































































   106   107   108   109   110